Recensione: Reality Transurfing – Lo spazio delle varianti


Transurfing - Lo spazio delle varianti

Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non ti dovessi più svegliare? Come potresti distinguere il mondo dei sogni da quello della realtà? (Morpheus)

Prima o poi capirai, come ho fatto anch’io, che una cosa è conoscere il sentiero giusto, un’altra è imboccarlo. (Morpheus)

Questo libro un po’ mi ha cambiato la vita. L’autore, Vadim Zeland, un misterioso informatico venuto dalla Russia, ha ideato un sistema filosofico che è un po’ a metà tra fisica quantistica e Buddhismo Zen.

Il nostro mondo è reale? In realtà sì, ma dipende da cosa consideriamo come “nostro mondo”. Se il mondo fosse bello o brutto in assoluto lo sarebbe per tutti, giusto? Invece come mai ci sono persone felici e altre davvero disperate? Semplicemente perché viviamo nel cosiddetto “spazio delle varianti”, ovvero una sorta di reticolo spazio-temporale che rappresenta la possibile e infinita varietà di realtà esistenti. Ognuno si collega a una realtà, bella e brutta che sia, e gli eventi non sono da noi creati ma dipendono da come ci spostiamo nel loro flusso.

L’autore ci spiega che in realtà noi siamo spesso dipendenti dai Pendoli, entità mentali create dall’uomo che pian piano diventano autoconsistenti e catturano le persone nel loro flusso. Così la guerra esiste perché siamo catturati dal pendolo guerra, lo stesso per la povertà e le malattie globali.

Cosa possiamo fare per combatterli e spostarci sulla giusta linea di realtà? Dobbiamo scivolare, senza resistere e sforzarci perché rischieremmo di creare degli strappi e potenziale (simile a quello elettrico) essendo ancora più invischiati nei Pendoli.

Così si muove il bellissimo primo libro della lunga serie sul Reality Transurfing di questo misterioso autore, che ci spinge a una vita di non resistenza simile alla filosofia alla base dell’Aikido. Questo perché non siamo necessariamente destinati a una vita di fatiche e infelicità ma possiamo scivolare tranquillamente nella realtà godendoci ciò che di buono ci spetta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...